top of page

AUGURI A GUIDO SILVESTRI, IL SILVER DI LUPO ALBERTO

Nel prossimo 2023, il lupo blu più famoso del fumetto italiano compirà mezzo secolo di vita. Qualche mese prima, il 9 dicembre, il suo creatore, Guido Silvestri spegne invece settanta candeline.


Nato a Carpi, si trasferisce a Correggio, vicino a Reggio Emilia, ancora bambino. Per seguire la passione del fumetto, appena maggiorenne si trasferisce a Modena dove inizia a lavorare nello studio di Bonvi, celebre autore di Sturmtruppen. Al suo fianco inizia a lavorare a personaggi che contribuiranno a costruire una parte della storia del fumetto italiano come Cattivik o Nick Carter.


A metà anni settanta sul Corriere dei Ragazzi inizia a pubblicare delle strisce con protagonisti degli animali della fattoria. I colori allegri e lo spirito leggero dei suoi personaggi incantano il pubblicano, primo fra tutti quel lupo azzurro protagonista delle più assurde vicende pur di ottenere il cuore della sua amata. Lupo Alberto e le avventure per ottenere il cuore della gallina Marta ottengono in breve tempo un grande successo e contribuiscono al successo di Silver.


silver
Lupo Alberto e i suoi amici della fattoria

L’idea della fattoria McKenzie e dei suoi loquaci abitanti sono figli della sua immaginazione che saettava tra le campagne che attraversava con il treno per andare a scuola ogni giorno. uno dei modi per ingannare il tempo era immaginare gli animali delle campagne in situazioni ridicole e umoristiche. A inizio carriera il mondo del fumetto professionistico stava attraversando un periodo difficile al contrario di oggi che è un lavoro incoraggiato dai più. Silver racconta di aver dovuto fare molta gavetta prima di ottenere qualche riconoscimento, di aver copiato i grandi maestri italiani e internazionali infinite volte. Si procedeva per tentativi e per idee abbozzate a biro sui fazzolettini del bar. Lo stesso colore azzurro di Lupo Alberto è un’intuizione casuale, all’inizio le strisce erano in bianco e nero.


Silver è sicuramente una delle penne più brillanti del fumetto italiano, autore di innumerevoli personaggi ma qual è quella personalità che l’ha sorpresa di più, gli viene chiesto in un’intervista recente: «Enrico La Talpa è nato come comprimario» dice Silver «e ha finito quasi per surclassare il lupo. È quello che mi rappresenta di più. Un personaggio nato guardando a Paolo Villaggio, che con Woody Allen, i cui libri sono gli unici che mi hanno fatto davvero ridere fino a lacrimare, sono i miei numi tutelari. Anche in un tempo come questo avvolto da una pesante cappa, mentre l’umorismo richiede un po’ di leggerezza»

Eleonora Poli



12 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page